Sala preconsiliare del Comune di Ravenna.

Il 28 giugno alle 16.30, presso la Sala preconsigliare del Comune di Ravenna, Piazza del Popolo 1, il Magnifico Rettore dell'Università di Bologna, Prof. Ivano Dionigi, ha conferito la Laurea ad honorem in Archivistica e Biblioteconomia ai proff. Benjamin Richler e Shlomo Simonsohn. Sono intervenuti inoltre: il Sindaco del Comune di Ravenna, Fabrizio Matteucci, il Vice-sindaco del Comune di Ravenna, Giannantonio Mingozzi, il Vice-presidente della Provincia di Ravenna, Gianni Bezzi e il Presidente della Fondazione Flaminia, Lanfranco Gualtieri. Il prof. Benjamin Richler, ha compiuto i suoi studi alla Yeshiva University di New York, ottenendo nel 1960 il B.A. Dopo un soggiorno in un kibbutz negli anni 1961-62 per perfezionare la lingua ebraica, nel 1963 ha ottenuto il Master of Library Science alla Hebrew University di Gerusalemme e, quindi, dal 1965 al 2005 è stato, per 40 anni, attivo come catalogatore di manoscritti ebraici presso lo Institute of Microfilmed Hebrew Manuscripts della Jewish National and University Library di Gerusalemme di cui dal 1997 è stato anche direttore. Richler è considerato la massima autorità scientifica per lo studio dei manoscritti ebraici e, in particolare, della storia delle collezioni, della loro provenienza e della loro attuale collocazione nelle biblioteche di tutto il mondo. Il prof. Shlomo Simonsohn, ha compiuto i suoi studi liceali e classici prima in Germania, e quelli universitari alla Hebrew University di Gerusalemme negli anni 1943-46, conseguendo il titolo di M.A con una tesi su The Latin Church in the Crusaders Kingdom of Jerusalem, e quindi negli anni 1949-52 presso lo University College, della London University, dove egli consegui il Ph.D. con una tesi dottorale su Leone da Modena. Simonsohn è considerato unanimemente uno dei massimi studiosi dell'ebraismo italiano, fondatore e direttore del Progetto "Italia Judaica" costituito nel 1969 con un accordo fra alcuni studiosi di Israele italiani e di altri paesi, e finanziato anche dal Ministero per i Beni e le attività Culturali del Governo italiano.

Per approfondimenti