L'11 marzo 1977 un gruppo di studenti contesta l'Assemblea di Comunione e Liberazione, che ha espulso con la forza alcuni giovani di sinistra. Nei disordini seguenti uno studente di 25 anni, Francesco Lorusso, militante di Lotta Continua, viene ucciso in via Mascarella da un colpo sparato da un carabiniere. Nel pomeriggio un grande corteo del Movimento si snoda per le vie del centro cittadino. Molte vetrine di negozi vanno in frantumi. Le strade attorno a piazza Verdi sono interrotte da numerose barricate, erette soprattutto con i mobili della vicina mensa universitaria.


Per approfondimenti